Home
PENSIERI MALCONCI DI UN DOPO ALLENAMENTO SUL TEMA: "IL SENSO DELLA MIA CORSA"! PDF Stampa E-mail
Scritto da GERLANDO LO CICERO   
Lunedì 03 Gennaio 2011 16:31

RACCONTA LA TUA STORIA

 sprint alla massima velocità in salita!!!!!!!!!!!!!

PENSIERI MALCONCI DI UN DOPO ALLENAMENTO SUL TEMA: "IL SENSO DELLA MIA CORSA"!
Domenica 2 gennaio ore 9,30 Caltanissetta: prima volta che svolgo un allenamento di sprint alla massima velocità in salita;
Domenica 2 gennaio ore 10,45 Caltanissetta: ultima volta che svolgo un allenamento di sprint alla massima velocità in salita;
Lunedi 3 gennaio ore 15,35 Bagheria, seduto comodo davanti al mio pc ben riposato, ripensando ai pensieri avuti durante la corsa di defaticamento dopo gli sprint in salita di ieri mattina:
Appena finito l'ottavo e ultimo sprint in salita! guardo il quadrante del mio gps per vedere in quanti secondi l'ho fatto quest'ultimo sprint! mi accorgo che rispetto ai primi tre sprint, corsi piu velocemente che potevo (tutti gli otto e non solo i primi), a partire dal quinto sprint in poi i secondi impiegati sono inesorabilmente aumentati, non di tanto, ma comunque aumentati! mi viene da pensare in quanto tempo ho effettuato i vari recuperi in discesa tra le otto prove, riguardo il mio gps cliccando sulla cronologia dell'allenamento e mi accorgo che i secondi di recupero sono aumentati anch'essi inesorabilmente man mano procedevo con gli sprint! vabbè mi dico, è normale! sono stati degli sprint corsi a tutta e in salita ripida per cui è normale che man mano i secondi aumentassero e i recuperi si allungassero; segno che l'allenamento per me e il mio livello è stato davvero assai faticoso! ma fin qui penso sia normale! almeno credo...almeno spero! però, mi accorgo anche di un altro dettaglio, stavolta ho paura che non sia tanto normale:

 

che finito l'ultimo sprint, ho iniziato immediatamente senza fermarmi la corsa di defaticamento, i 30 min da correre a ritmo tranquillo per rigenerarmi; ma che, dopo i primi due minuti di defaticamento, non ce l'ho fatta piu neppure a continuare a correre in maniera blanda! mi son dovuto fermare...stopparmi, bloccarmi per respirare, per riprender fiato, per "tornare a vivere" ! si, perche durante gli ultimissimi sprint in salita, giuro che mi son sentito quasi morire! e viva la sincerità che diamine!
Cosi, mi son fermato subito dopo aver cominciato il defaticamento! mi son riposato da fermo per 5 minuti abbondanti e poi finalmente ho riavuto un minimo di forze per riprendere la mia corsa...lenta...assai lenta...lentissima...! guardavo il gps al polso destro, dubbio atroce mi venne: "non è che si è rotto e non gira piu? qua i minuti pare che non passano piu, sta mezz'ora di defaticamento non scorre"! poi riflettendo ho pensato che il gps funzionava e continuava a girare bene insieme ai minuti, qui le uniche cose che non giravano piu erano le mie gambe e la mia mente ormai in prenda a una fatica immane! che neppure sul traguardo della maratona di firenze mi son sentito cosi stanco, accidenti!
Ma è possibile che una tipologia di allenamento mai fatta prima, alla prima esperienza mi metta cosi a terra come stanchezza sia fisica che mentale? Che neppure una 42k è riuscita a mettermi cosi giù!? È una domanda che rivolgo a quanti hanno ben piu esperienza di me sulla corsa e sugli allenamenti!
Appena ripresa la corsa di defaticamento, alcuni pensieri poco felici mi son venuti in mente prendendo pieno possesso di me! Tutti i pensieri avevano un tema di fondo, sempre uguale: che senso ha, per me, podista amatore misero di 40 anni con solo due anni scarsi di corsa alle spalle, che ama far le gare amatoriali ma senza nessuna pretesa di coppe o medaglie di podio se non quella solo della medaglia ricordo di partecipazione all’evento, che senso ha ammazzarsi la vita cosi duramente in allenamenti cosi tirati? Bah…mentre scorrevano quei trenta minuti di corsa defaticamente, che pareva non volesse mai finire, una sola risposta mi veniva alle mie riflessioni e domande: “non ha effettivamente alcun senso ammazzarsi cosi tanto di fatica! Tanto, alla fine, chiudere una mezza maratona o una maratona con 3 o 4 minuti in meno o in più…”!
Era quasi finito l’allenamento, quasi finiti quei 30 minuti di corsa tranquilla finale, ho incontrato un cane randagio che su un marciapiede dormiva tranquillo disteso a un timido sole che faceva capolino tra le nuvole, e mi venne da pensare che probabilmente quel cane, stanco della sua vita randagia vissuta per strada, in quel preciso momento voleva solo godersi quella sua tranquilla dormita al tepore di quel sole…e un po’ in qualche modo mi assomigliava in quel momento, a me che ero stanco di correre su quella strada e non vedevo l’ora di far rientro a casa dei miei suoceri per infilarmi sotto la doccia e poi sedermi a tavola e divorare tutti i dolci, e panettoni, e pandori, e torte, e spumanti frizzanti, e vini vaporosi….tutte quelle delizie a cui diligentemente avevo saputo rinunciare per tutto il periodo festivo da natale a capodanno in nome della linea, della forma fisica e degli allenamenti ma che oggi, sfiancato come non mai da un allenamento, non desideravo davvero altro che divorarmi a piu non posso! Si….avevo deciso, avevo preso la mia decisione, proprio sul momento che il cicalino del mio gps mi segnalava che erano scoccati i trenta minuti di corsa finale ed ero giunto alla fine dell’allenamento: da domani niente più corsa, da domani non voglio piu correre, voglio tornare alla mia cara, vecchia, bastarda vita sedentaria che conducevo fino a due anni fa, e mangiarmi di tutto e di più…a ingrassare fregandomene della mia silhouette nel guardarmi allo specchio!
Ma tant’è! Adesso è lunedi 3 gennaio, sono le 16,17 e sono ancora seduto davanti al mio pc, quasi in chiusura di questo mio post… mi sta tornando la voglia di rinfilarmi le scarpe da running e uscire a correre!
La faticaccia di ieri è gia solo un ricordo…penso che cancellerò dalla mente i malconci pensieri avuti durante la corsetta di defaticamento dopo gli sprint in salita!
Ma si…non posso saltare la corsa di oggi!
La mia prossima maratona voglio provare a correrla e chiuderla con 5 minuti in meno sul traguardo!
Lo desidero! Che sono 5 minuti in più o in meno in una gara amatoriale? Cazzo….sono un’eternità! Sono l’essenza stessa del piacere di correre e di allenarsi!
Effettivamente ora so che….piu soffro in allenamento e piu penso che è stato in fondo bello e divertente!
(tranquilli….non sono contraddittorio, è solo che ho bevuto 6 bicchieri di spumante, ma non sono ubriaco, giuro!!!)

 

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Gennaio 2011 13:53