Home
La Maratona si avvicina PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabrizio Fusco   
Domenica 13 Febbraio 2011 19:07

RACCONTA LA TUA STORIA

Il programma di allenamento è duro, forse più di quello che pensavo. Facile guardare dei numeri sullo schermo di un pc, meno facile è tenere alta la concentrazione tutti i giorni. Neanche l'esperienza sarà dalla mia parte, è il primo anno, tanti problemi li sto incontrando per la prima volta. Per correre una Maratona serve una conoscenza profonda del proprio fisico e del suo comportamento. Durante queste prime migliaia di km percorsi ho raccolto tante informazioni, ma ho ancora tanto da imparare. Troppi risultati altalenanti in questi giorni, proprio nel momento in cui non posso sbagliare niente. Ma è proprio quando corri sul filo dei tuoi limiti che gli sbagli arrivano più facilmente. E così arrivano giorni in cui mi chiedo perché quell'allenamento non è andato come mi aspettavo, come volevo. Ed è come avere una pagina bianca di un libro davanti a me. E' come ricominciare da capo, provare, fare esperienza. Ma poi arrivano anche altri giorni in cui tutto fila alla perfezione, tutto scorre come previsto. Forse devo capire che non posso essere sempre al massimo... Ma la Maratona si avvicina, e con un allenamento così corto, sarà dura finirla. Perché 42km 195metri fanno paura, anche solo a guardarli sullo schermo di un pc.

 

Se guardo indietro a quando ho iniziato posso dire di aver fatto cose incredibili, di aver ottenuto qualcosa che tutti credevano impossibile. Partecipare alla Maratona è qualcosa che ho voluto fortemente fin dal giorno che ho iniziato a correre. La strada che ho fatto è stata straordinaria. Ma questo non basterà per completare la Maratona. E non basterà neanche tutta la determinazione e la voglia di finirla che quel giorno potrò metterci. Oltre a tutto questo avrò bisogno di un corpo ben allenato che mi permetta di arrivare al traguardo. Perché i limiti fisici non si possono abbattere con la sola forza di volontà.

Seguo un percorso tutto mio, una sfida tutta mia, forse difficile da comprendere. Nonostante non sia filato proprio tutto liscio è tempo di provarci, di lasciare un segno indelebile nella mia vita. Non so se ce la farò, ma quello che solamente un anno fa era un'utopia oggi è possibile. Ed intanto, per adesso, di questo ne vado fiero. In attesa di scrivere una pagina importante.