Home ... Michelangelo Granata GIUSEPPE D'URSO
GIUSEPPE D'URSO PDF Stampa E-mail
Scritto da Michelangelo Granata   
Sabato 26 Dicembre 2009 17:10

a cura di Michelangelo Granata

 I campioni del passato

Nato a Catania il 15 settembre 1969. Alto 1,78 x 56 kg.

Allenato da Pietro Collura - Società: Fiamme Azzurre - Presenze in nazionale: 31

Durso

Scoperto dal suo professore di educazione fisica Pietro Collura, Giuseppe D’Urso - l’unico medagliato catanese in una rassegna “globale” - ha mosso i primi passi nell’atletica nel 1985 a 16 anni con la Libertas Catania, nel 1989 lo troviamo con il Cus Palermo e dal 1990 con le Fiamme Azzurre.

Negli ultimi venti anni del XX secolo e in questo nuovo millennio l’Italia ha avuto quattro ottocentisti di buon valore internazionale. Il primo ad apparire sulla scena è stato il potentino Donato Sabia nel 1980, poi fu la volta di Andrea Benvenuti e Giuseppe D’Urso (amici per la pelle e quasi coetanei, più piccolo di tre mesi il veronese) e infine Andrea Longo. L’impresa più straordinaria del catanese rimane l’argento conquistato ai Mondiali di Stoccarda 1993. In una lotta concitata con i keniani, D’Urso giustizia in volata il favorito Billy Konchellah - il lungo Masai che aspirava alla tripletta mondiale dopo Roma 1987 e Tokyo 1991 - finito solo terzo in 1’44”89, ma soccombe alla lepre Paul Ruto, 1’44”86 contro 1’44”71. Giuseppe compie il capolavoro negli ultimi 120 metri. Si porta all’esterno e sferra l’attacco portentoso, intanto Konchellah esce dalle retrovie, rimonta posizione su posizione, affianca D’Urso che resiste al suo micidiale finish e regala all’Italia una medaglia che rimarrà  nella storia. Il catanese dopo l’arrivo è incredulo, quasi non si capacita, ma non si deve svegliare da nessun sogno, quel gradino in cima all’élite mondiale gli appartiene di diritto. L’amico Andrea Benvenuti, crollato a terra in batteria dopo 230 metri di gara per una microfrattura al piede sinistro, in tribuna piangeEmilio Lunghi, Luigi Beccali, Mario Lanzi, Giuseppe D’Urso, questi i quattro italiani che sono saliti sul podio ai Giochi Olimpici o ai Mondiali nella storia del mezzofondo veloce. L’unico oro azzurro è stato quello di Luigi Beccali, lo vinse sui 1500 metri a Los Angeles 1932, aprendo una nuova frontiera per l’Italia nelle medie distanze. Quattro anni dopo il milanese colse a Berlino il bronzo olimpico sempre nei 1500. Negli 800 gli azzurri hanno conquistato tre argenti splendenti: Emilio Lunghi, il primo grande della nostra atletica, a Londra 1908; Mario Lanzi, l’atleta dai traguardi mancati, a Berlino 1936; Giuseppe D’Urso, 57 anni dopo, a Stoccarda 1993.D’Urso si rivela precocemente a 19 anni ai Mondiali Juniores di Sudbury 1988, dove si piazza quinto alla sua prima esperienza internazionale, seguito da un settimo posto agli Europei di Spalato 1990, sempre negli 800 metri. Nel 1991 è il n. 1 italiano dell’anno sui due giri di pista nel ranking di merito. In quella stagione alle Universiadi di Sheffield il 22 luglio è il primo azzurro a conquistare l’oro sugli 800 in questa rassegna. L’11 agosto a Grosseto con 1’45”94 scende sotto la barriera di 1’46”0, settimo italiano di tutti i tempi. Ai Mondiali di Tokyo il 25 agosto, quarto in batteria, manca per cinque centesimi di secondo l’ingresso alle semifinali, beffato dal sovietico Sudnik sulla linea d’arrivo, nell’ultimo metro e mezzoDurso.

 

 

 

 

 

 Ai Giochi Olimpici di Barcellona 1992 una maledetta tonsillite con febbre a 38,5°, sopravvenuta il giorno prima della gara, l’inchioda a letto e la mattina dopo non può prendere il via nella quarta batteria. E qui Benvenuti, a parti ribaltate un anno prima di Stoccarda, è quinto in finale.Al Golden Gala il 5 giugno 1996, in una magica serata romana all’Olimpico, ottiene una splendida vittoria con il personale di 1’43”95 che dedica alla moglie Tania, miglior prestazione mondiale stagionale in quel momento e a tutt’oggi la quinta italiana di sempre. Nel 1998 D’Urso ritorna grande, il 5 giugno illumina la Notturna di Milano con 1’44”46, suo terzo tempo e il 27 è d’oro in Coppa Europa a San Pietroburgo sui 1500. Di nuovo re di Coppa nel 1999 allo “Stade Charlety” di Parigi il 19 giugno sulla distanza più lunga con la sua volata da manuale, uno dei gesti più eleganti e spettacolari della manifestazione che ha visto gli azzurri elevarsi a uno storico secondo posto.

GIUSEPPE D’URSO

 

PROGRESSIONE

800

1500

1985

16

Lib. Catania

1’56”1

14*

-

-

1986

17

Sport Club Catania

1’51”97

2*

3’48”6

1*

1987

18

Lib. Catania

infortunato

-

-

-

1988

19

Lib. Catania

1’47”61

5

3’47”8

-

1989

20

Cus Palermo

1’46”9

2

3’48”0

-

1990

21

Fiamme Azzurre

1’46”41

4

3’46”31

27

1991

22

Fiamme Azzurre

1’45”94

1

-

-

1992

23

Fiamme Azzurre

1’45”31

2

3’43”15

16

1993

24

Fiamme Azzurre

1’44”83

2

3’48”82

-

1994

25

Fiamme Azzurre

1’44”20

2

3’36”03

2

1995

26

Fiamme Azzurre

1’46”18

2

3’40”54

5

1996

27

Fiamme Azzurre

1’43”95

1

3’47”79

35

1997

28

Fiamme Azzurre

1’45”35

3

3’37”5i

-

1998

29

Fiamme Azzurre

1’44”46

2

3’35”78

1

1999

30

Fiamme Azzurre

1’45”39

2

3’36”57

1

2000

31

Fiamme Azzurre

1’48”62i

-

-

-

 

1’52”56

49

-

-

2001

32

Fiamme Azzurre

1’48”75

10

3’48”82

33

 

N.B. Sulla destra del tempo la posizione dell’atleta tra i primi 50 nelle liste italiane dell’anno.

*Con l’asterisco la posizione nelle graduatorie italiane Allievi.

Altri primati personali - 400 m 48”9 (1988)  - 1000 m 2’15”87 (1999) - miglio 3’52”72 (1999) - 3000 m 8’04”5 (2001).

 

 

Ì  800 METRI

GIOCHI OLIMPICI= Barcellona 1992: non partito; Atlanta 1996: 5° in sf. (1’46”97), (2° in batt. 1’45”27).

Mondiali= Tokyo 1991: 4° in batt. (1’46”82); Stoccarda 1993: 2° 1’44”86 (1° in sf. 1’44”83); Göteborg 1995: 4° in batt. (1’47”43); Atene 1997: rit. in batt.; Siviglia 1999: 1500 14° in batt. (3’50”71).

Mondiali Juniores= Sudbury 1988: 5° 1’53”34  (1° in batt. 1’51”12).

Europei= Spalato 1990: 7° 1’47”29; Helsinki 1994: 5° 1’46”90; Budapest 1998: 7° in sf. (1’48”95),  1500 rit. in batt.

UNIVERSIADE= Duisburg 1989: 6° 1’48”84; Sheffield 1991: 1° 1’46”82.

COPPA EuropA= Birmingham 1994: 1500 5° 3’49”98; Villeneuve d’Ascq 1995: 1500 7° 3’49”46; Madrid 1996: 2° 1’45”27; Monaco 1997: 4° 1’48”43; San Pietroburgo 1998: 1500 1° 3’44”58; Parigi 1999: 1500 1° 3’46”01.

GIOCHI del MEDITERRANEO= Bari 1997: 1° 1’47”10.

CAMPIONATI ITALIANI= Juniores - Grosseto 1988: 1° 1’50”98; Assoluti - Milano 1988: 6° 1’53”11 (2° in batt. 1’51”43); Cesenatico 1989: 2° 1’47”69; Torino 1991: 3° 1’48”04; Vigevano 1991: 4x800 FF.AA. 7’14”65; Bologna 1992: 2° 1’47”20; Vigevano 1993: 4x800 FF.AA. 7’20”10; Bologna 1993: 1° 1’45”68; Napoli 1994: 1° 1’48”61; Catania 2001: 3° 1’48”75.

 

 

 

 

GIUSEPPE D’URSO

 

Ì  800 METRI INDOOR

Mondiali= Toronto 1993: 5° in sf. (1’50”07);  Parigi 1997: 1500 7° in batt. (3’46”06).

Europei= Glasgow 1990: 5° 1’49”52 (in sf. 1’49”45); Stoccolma 1996: 2° 1’48”04; Valencia 1998: 1500 9° 3’53”48 (3° in sf. 3’44”00).

CAMPIONATI ITALIANI= Torino 1990: 3° 1’50”37Genova 1991: 2° 1’50”48; Genova 1993: 1° 1’48”09; Torino 1996: 1° 1’49”57Genova 1997: 1500 1° 3’37”5Genova 1998: 1500 1° 3’39”73; Genova 2000: 1° 1’50”31; Torino 2001: 1500 rit.

 

I MIGLIORI TEMPI SUGLI 800 METRI

1’43”95

1

 

Roma

05/06/1996

1’44”20

3

 

Monaco

02/08/1994

1’44”46

1

 

Milano

05/06/1998

1’44”83

1

sf2

Stoccarda

15/08/1993

1’44”86

2

 

Stoccarda

17/08/1993

1’44”89

5

s1

Rieti

05/09/1993

1’44”92

9

 

Monaco

10/08/1996

1’44”99

2

 

Losanna

06/07/1994

1’45”27

2

 

Madrid

02/06/1996

1’45”27

2

b4

Atlanta

28/07/1996

10 - media 1’44”764

1’45”31

1

 

Udine

28/06/1992

1’45”31

5

 

Oslo

05/07/1996

1’45”35

2

s1

Padova

08/06/1997

1’45”39

9

s1

Losanna

02/07/1999

1’45”44i

1

 

Genova

17/02/1993

1’45”56

6

 

Berlino

27/08/1993

1’45”66

2

 

Rovereto

26/08/1992

1’45”68

1

 

Bologna

03/08/1993

1’45”86

1

 

Rovereto

01/09/1993

1’45”88

3

sf2

Helsinki

12/08/1994

20

1’45”94

3

 

Grosseto

11/08/1991

1’46”04

6

 

Hechtel

19/07/1997

1’46”18

1

s2

Roma

08/06/1995

1’46”41

2

s1

Cesenatico

01/08/1990

1’46”48

2

 

Cagliari

11/09/1993

1’46”52

7

s2

Zurigo

14/08/1996

1’46”57

3

s1

Grosseto

13/08/1990

1’46”59

1

 

Padova

29/08/1993

1’46”59

7

 

Parigi

28/06/1996

1’46”77

4

s1

Bologna

09/09/1992

30

1’46”78

4

s2

Bruxelles

28/08/1992

1’46”79

5

 

Losanna

25/08/1998

1’46”82

1

 

Sheffield

22/07/1991

1’46”82

4

b6

Tokyo

25/08/1991

1’46”82

2

b2

Budapest

21/08/1998

35 performances

 

GIUSEPPE D’URSO

 

I MIGLIORI TEMPI SUI 1500 METRI

3’35”78

2

 

Bellinzona

01/07/1998

3’36”03

2

 

Roma

08/06/1994

3’36”57

2

 

Milano

09/06/1999

3’37”5i

1

s1

Genova

22/02/1997

3’38”42

14

 

Colonia

21/08/1994

3’38”86

5

 

Colonia

08/08/1999

3’38”93

4

 

Padova

26/06/1999

3’39”08

2

 

Siviglia

30/05/1998

3’39”49

16

 

Parigi

21/07/1999

3’40”54

1

 

Cape Town

06/05/1995

10 - media  3’38”120

3’42”25

1

 

Formia

04/06/1994

3’43”15

1

 

Trento

13/09/1992

12 performances

 

granata

Ultimo aggiornamento Giovedì 01 Aprile 2010 13:55