ER SOR LEONE PDF Stampa E-mail
Scritto da Pupetta Greco   
Giovedì 09 Febbraio 2012 12:38

ER SOR LEONE

Di Pupetta Greco

 

M’ero stancato de portamme addosso

come na tartaruga a grancassa,

 Un giorno n’amico me guarda e disse:

Nu te dà gran pena, viemme appresso.

 Io co lui ce sarei pure ito,

ma je dissi: - Sti chili come li svoto? -

 Nu te preoccupà, fra n’anno sarai più sano,

se cominci a smagrì e magnà de meno.

 Devi tornà a esse un bel pischelletto

anche se mo de anni ne hai quarantotto.

 Te ricordi quanno se correva con le gambe in spalla?

Devi schiattà e tornare a esse quello.

 

 A promessa è promessa, me incapriccio,

vojo vedè stavorta se je la faccio.

 Da domani addio a salami e dorci,

pane e cicoria magno come li poracci.

 Me serve na tutaccia e li scarpini giusti,

nu so quanti anni so che nu li ho più visti.

 Ce sarà quarche cosa che me carza a pennello?

A quelli dell’elle-bi-emme vojo domannallo.

 Ma sta a scherzà? Noi accomodamo tutti li clienti,

da qui nessuno esce se non  è contento.

 Avemo tute che somigleno abiti da sera,

per i più esigenti famo pure scarpe su misura.

 A me basta che so comode, no pe annà a spasso,

ma pe corre un’oretta quanno posso.

 C’avemo pure quelle che ti credi?

Sono gajarde e come piume carzano li piedi.

 Vedrai te troverai na meraviglia,

che de l’altre cose te passerà la voglia.

 Da quella sera sta di fatto

che tengo li scarpini pure a letto.

 C’è voluto un botto pe calare

solo chi nu magna me  po capire,

 li chili se so sciorti come cera al foco,

pure le donne dicheno che so un gran fico.

 Me da  tante soddisfazioni sto fisicaccio,

che solo fino a ieri me sognavo d’avecce.

 Mo pure Nobile so divenuto, no pe discennenza,

ma correnno quattro maratone senza panza.

 Ho voluto raccontare questa mia esperienza,

pe incoraggiare  chi crede de nun  avè più speranza.

 Oggi nu me chiameno più come na vorta Paolone,

Quanno corro sono pe tutti ER SOR LEONE...